FG Law

FORMAZIONE IN VIDEOCONFERENZA
Il docente a casa tua!

  • Presentazione corso magistratura "BASE"

    Programmi e principi: guida a studio e scrittura.

  • Presentazione corso magistratura "AVANZATO"

    Alta formazione concorsuale: lezioni ed esercitazioni.

  • Danno biologico e morale

    Spiegazione traccia civile estratta il 15 luglio 2021

  • Responsabilità da reato degli enti

    Spiegazione traccia penale estratta il 16 luglio 2021

  • E-learning

    "Studiare in nome della Verità" (G.S.)

    Scopri di più

CORSO "AVANZATO"
MAGISTRATURA 2021/2022
Videoconferenza (sabato)
ACCREDITATO CNF

WEBINAR INTERATTIVO

€ 250 (+ iva) mensili

SCOPRI DI PIÙ


CORSO "BASE" MAGISTRATURA 2021/2022
AULA ROMA (sabato)
WEBINAR (sabato e domenica)

VIA SANTA TERESA D'AVILA 10

€ 150 (+ iva) mensili

SCOPRI DI PIÙ

ISCRIZIONI APERTE! Per informazioni 333.7349837 o info@fglaw.it

IL GRANDE SUCCESSO DEL CORSO

Negli ultimi dieci anni tutte le tracce estratte al concorso in magistratura sono state analiticamente spiegate! Non si è trattato della mera citazione di argomenti dati per probabili o dell’esposizione di una o più pronunce giurisprudenziali, bensì di un completo e omnicomprensivo inquadramento storico-sistematico di tutti gli istituti giuridici richiesti dalle tracce concorsuali, affrontati dai docenti in lezioni durate svariate ore. Anche nelle più recenti tornate concorsuali tutte le esercitazioni, le lezioni e i materiali del corso sono stati di straordinario ausilio consentendo ai nostri corsisti di affrontare le prove scritte con serenità, grinta e successo.

SCOPRI DI PIÙ

 

 

Attività in primo piano

CORSO MAGISTRATURA"AVANZATO" 2021/2022

Webinar interattivo

Simulazioni di concorso (su tracce probabili)
Lezioni teoriche (spiegazione tracce assegnate)
Lezioni di tecnica redazionale

ISCRIZIONI APERTE

SCOPRI DI PIÙ

CORSO MAGISTRATURA"BASE" 2021/2022

ROMA aula e/o WEBINAR interattivo

Esercitazioni guidate
Lezioni teoriche (avviamento allo studio)
Acquisizione delle tecniche redazionali iniziali
In diretta e/o in differita

ISCRIZIONI APERTE

SCOPRI DI PIÙ

CORSO PROCURATORE STATO 2021/2022

Proc. civile
Proc. penale
Proc amministrativa
Civ/Pen/Amm sostanziale
Adesione a singoli moduli ammessa

ISCRIZIONI APERTE

SCOPRI DI PIÙ

PACCHETTO "SCRITTI MAGISTRATURA"

Temi & materiali (massima flessibilità)

6 Tracce ("small")
12 Tracce ("median")
18 Tracce ("large")

Esercitazioni in diritto civile, penale ed amministrativo
Correzione personalizzata con criteri utilizzati dalle commissioni esaminatrici

SCOPRI DI PIÙ

News                   

NOVITA' CORSO PROCURATORE DELLO STATO 2021/2022

 

CONCORSO PROCURATORE DELLO STATO (€ 600,00)

Sono offerte mirate lezioni in diritto processuale civile, processuale penale e processuale amministrativo al fine di integrare la preparazione per i prossimi scritti di procuratore dello Stato:

  • modulo processuale civile (€ 300,00 + IVA);

  • modulo processuale penale (€ 300,00 + IVA);

  • il modulo processuale amministrativo sarà svolto all'interno delle lezioni del corso magistratura (periodo ottobre-dicembre 2021); può anche essere acquistato a parte versando la "quota modulo".

Per maggiori informazioni consulta la pagina del Corso specialistico di Procuratore dello Stato.

NOVITA' CORSI MAGISTRATURA "BASE" E "AVANZATO" 2021/2022

 

SABATO 2 E DOMENICA 3 OTTOBRE INIZIANO I NUOVI CORSI "BASE" E "AVANZATO"

(PREPARAZIONE AL CONCORSO DI MAGISTRATO ORDINARIO): termine ultimo di iscrizione 15 settembre 2021.

Le attività formative si distinguono tra livello BASE e AVANZATO (trattasi di corsi eterogenei).

Offerta formativa: lezioni teoriche, lezioni di tecniche redazionali, esercitazioni scritte, focus mirati sugli elaborati corretti (laboratori di scrittura), correzioni personalizzate e collettive, tracce & schemi, verifiche/interrogazioni in diretta, assegni mirati, materiali di studio selezionali, accesso alla banca dati, aggiornamenti giurisprudenziali, dottrinali e normativi.

PRESENTAZIONE CORSO "BASE"

 

PRESENTAZIONE CORSO "AVANZATO"

 

 

NOVITA' CORSO CORTE CONTI 2021/2022

 

L'11 OTTOBRE 2021 PARTE IL "CORSO CORTE CONTI"

DI PREPARAZIONE AL CONCORSO A 70 POSTI DI MAGISTRATO CONTABILE (D.P. 151/2021)
 

MODULI 1-2-3

  • 6/7 lezioni teorico-pratiche "area giurisdizione"

  • 12/13 lezioni teorico-pratiche "area controllo"

  • 18 prove pratiche (6 giurisdizione + 12 controllo)

  • 3 simulazioni concorso (2 giurisdizione + 1 controllo)

MODULI 4-5-6

  • non meno di 18 lezioni

  • non meno di 18 esercitazioni

I docenti sono tutti magistrati della Corte dei conti che hanno maturato notevoli competenze specifiche nelle rispettive aree di insegnamento (Pres. Vito TENORE, Pasquale FAVA e Daniela MORGANTE).

 

 

PRESENTAZIONE DEL CORSO (PRES. VITO TENORE)

 

 

SCRITTI CONCORSO MAGISTRATURA 15 E 16 LUGLIO 2021 - TRACCIA CIVILE (SINTESI DELLE ATTIVITA' FORMATIVE DEL CORSO E SVOLGIMENTO TRACCIA DEL CONS. PASQUALE FAVA)

 

TRACCIA DI DIRITTO CIVILE (estratta giovedì 15 luglio 2021): "Danno biologico, danno morale e personalizzazione del danno"

SPIEGAZIONE TRACCIA - CONS. PASQUALE FAVA (ROMA, 19 luglio 2021)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SINTESI DELLE ATTIVITA' FORMATIVE DEL CORSO

In una delle dodici giornate del rush finale (incentrato sull'analisi dei lavori scientifici e giurisprudenziali della commissione esaminatrice) - il 7 luglio 2021 - è stato effettuato l'aggiornamento della lezione monotematica sul danno non patrimoniale nella quale era stata spiegata la seguente traccia: "Il risarcimento del danno non patrimoniale nella prospettiva del personalismo costituzionale".

Nella predetta lezione il Cons. Pasquale Fava ha spiegato, sintetizzato e aggiornato, tra l'altro, il Capitolo del suo Trattato di diritto civile che affronta l'evoluzione del danno non patrimoniale, soffermandosi anche sulle tecniche di liquidazione [() Trattato Fava, pag. 314-337 (), pag. 337-365 (), pag. 366-383 (), pag. 383-408 ()].

Dopo aver tratteggiato l'evoluzione storica della categoria del danno non patrimoniale (e delle sue componenti biologiche, morali e dinamico-relazionali), schematizzando le relative fasi di sviluppo, ha descritto puntualmente i contenuti delle sentenze gemelle di San Martino 2008, nonchè il loro seguito nella giurisprudenza di legittimità evidenziando la spaccatura tra correnti restrittive e quelle estensive (personaliste), queste ultime cristallizzate prima dal Legislatore (soprattutto con la riforma degli art. 138 e 139 C.A.P.) e poi dalle sentenze del blocco "San Martino-bis" 2019. Nell'ultima edizione del volume si è svolta, tra l'altro, un'analisi sistematica ragionata della giurisprudenza di legittimità successiva alle sentenze delle Sezioni unite civili del 2008 (prima opera scientifica italiana che ha fornito, in modo innovativo ed originale, tale ricostruzione del sistema pretorio del danno non patrimoniale a dieci anni dalle sentenze di "San Martino08"), analisi che ha tenuto conto dei diversi orientamenti giurisprudenziali relativi ai rapporti tra danno biologico e danno morale, ivi compresi gli aspetti dinamico-relazionali e quelli strettamente connessi alla liquidazione equitativa tabellare e personalizzata del danno non patrimoniale (soffermandosi anche delle differenze tra metodo milanese e quello romano). Tutti questi aspetti sono stati esaminati nel corso della predetta lezione monotematica. 

E' stato, altresì, esaminato, sempre nella menzionata lezione, il c.d. "doppio pilastro giurisprudenziale" della valutazione equitativa del danno non patrimoniale che si fonda sul metodo tabellare (unico sistema che può assicurare l'uniformità delle liquidazioni su tutto il territorio nazionale) e sull'attività di "motivata personalizzazione" da parte del giudice affinchè il metodo astratto uniforme possa essere adeguato al caso concreto [sintetizzando e spiegando anche pag. 366 (); pag. 367 (); pag. 368 (); pag. 369 (); pag. 370 (); pag. 371 (); pag. 372 (); pag. 373 (); pag. 374 (); pag. 375 (); pag. 376 (); pag. 383 (); pag. 384 (); pag. 385 (); pag. 386 (); pag. 387 (); pag. 388 (); pag. 389 (); pag. 390 (); pag. 391 ()].

Durante il rush finale (e precisamente il 7 luglio 2021) è stata sinteticamente schematizzata la categoria generale del "danno non patrimoniale" nelle sue due componenti (danno biologico - compresi gli aspetti dinamico-relazionali - e danno morale) alla luce della proposta di decreto ministeriale sulla Tabella unica nazionale di attuazione dell'art. 138 C.A.P. del 13-29 gennaio 2021 (sulle c.d. "macrolesioni") e sono stati forniti anche materiali giurisprudenziali sull'argomento (tra cui, nell'ambito del c.d. "Decalogo San Martino-bis" le seguenti massime giurisprudenziali ufficiali del CED: 1) Cass., sez. III, 11 novembre 2019, n. 28988 "In tema di danno non patrimoniale da lesione della salute, la misura "standard" del risarcimento prevista dalla legge o dal criterio equitativo uniforme adottato negli uffici giudiziari di merito (nella specie, le tabelle milanesi) può essere incrementata dal giudice, con motivazione analitica e non stereotipata, solo in presenza di conseguenze anomale o del tutto peculiari (tempestivamente allegate e provate dal danneggiato), mentre le conseguenze ordinariamente derivanti da pregiudizi dello stesso grado sofferti da persone della stessa età non giustificano alcuna "personalizzazione" in aumento" e 2) Cass., sez. III, 11 novembre 2019, n. 28989 "In tema di pregiudizio derivante da perdita o lesione del rapporto parentale, il giudice è tenuto a verificare, in base alle evidenze probatorie acquisite, se sussistano uno o entrambi i profili di cui si compone l'unitario danno non patrimoniale subito dal prossimo congiunto e, cioè, l'interiore sofferenza morale soggettiva e quella riflessa sul piano dinamico-relazionale, nonché ad apprezzare la gravità ed effettiva entità del danno in considerazione dei concreti rapporti col congiunto, anche ricorrendo ad elementi presuntivi quali la maggiore o minore prossimità del legame parentale, la qualità dei legami affettivi (anche se al di fuori di una configurazione formale), la sopravvivenza di altri congiunti, la convivenza o meno col danneggiato, l'età delle parti ed ogni altra circostanza del caso (in applicazione del principio, la S.C. ha cassato con rinvio la sentenza d'appello che - in parziale riforma della pronuncia di primo grado - aveva erroneamente liquidato una somma a titolo di risarcimento del danno non patrimoniale soggettivo patito dai congiunti della vittima deceduta in aggiunta ad un ulteriore importo a titolo di danno morale)").

Nel pacchetto dell'ultimo trimestre (aprile-giugno 2021) del CORSO "SOLO TEMI" è stata sottoposta ai partecipanti la seguente traccia (con svolgimento sintetico in quattro ore): "Il risarcimento del danno non patrimoniale e la sua evoluzione storica alla luce del nuovo formate giurisprudenziale e normativo".

Negli anni precedenti è stata assegnata e spiegata persino una traccia specifica (di "livello avanzato") sulle tecniche liquidative del danno non patrimoniale con particolare riguardo alle c.d. "sopravvenienze tabellari".

Si è svolta anche una similazione di concorso sulla traccia "Il diritto al risarcimento dei danni non patrimoniali: ontologia, liquidazione, disponibilità mortis causa ed inter vivos" (che è stata poi spiegata, in giorno dopo, nel corso di una lezione di oltre cinque ore).

Per completezza si segnala che anche le altre due tracce della terna non estratte ("violazione di norme imperative e rimedi contrattuali"; "tipicità dei diritti reali e autonomia negoziale") sono state spiegate durante le lezioni di quest'anno.

Per la descrizione delle attività formative del Corso con riguardo alle tracce "estratte" negli ultimi concorsi clicca su "scopri di più".

 

"ESTRATTI VIDEO" DELLE LEZIONI

1) LEZIONE MONOTEMATICA SUL DANNO NON PATRIMONIALE (CONS. PASQUALE FAVA) - CI SCUSIAMO PER LA QUALITA' "VIDEO": TRATTASI DI UN "ESTRATTO" DEL FILE ORIGINALE EPURATO DELLE GENERALITA' E IMMAGINI DEI CORSISTI PARTECIPANTI: spiegazione traccia assegnata nella simulazione di concorso "Il risarcimento del danno non patrimoniale nella prospettiva del personalismo costituzionale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2) RUSH FINALE 2021 - AGGIORNAMENTO LEZIONE MONOTEMATICA SUL DANNO NON PATRIMONIALE (CONS. PASQUALE FAVA) - CI SCUSIAMO PER LA QUALITA' "VIDEO": TRATTASI DI UN "ESTRATTO" DEL FILE ORIGINALE EPURATO DELLE GENERALITA' E IMMAGINI DEI CORSISTI PARTECIPANTI

 

 

 

SCRITTI CONCORSO MAGISTRATURA 15 E 16 LUGLIO 2021 - TRACCIA PENALE (SINTESI DELLE ATTIVITA' FORMATIVE DEL CORSO; SVOLGIMENTO SCRITTO DEL CONS ALBERTO MACCHIA; SPIEGAZIONE TRACCIA DEL CONS PASQUALE FAVA)

 

TRACCIA DI DIRITTO PENALE (estratta venerdì 16 luglio 2021): "Natura della responsabilità dell'ente per reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio. Si esamini, in particolare, il profilo della responsabilità dell'ente per la commissione dei reati di omicidio colposo e lesioni colpose".

() SVOLGIMENTO SCRITTO DELLA TRACCIA - CONS. ALBERTO MACCHIA (ROMA, 19 luglio 2021).

 

SPIEGAZIONE DELLA TRACCIA - CONS. PASQUALE FAVA (ROMA, 19 luglio 2021)

 

SINTESI DELLE ATTIVITA' FORMATIVE DEL CORSO.

La problematica della responsabilità degli enti per reati commessi da soggetti posti in posizione apicale dell’ente o da propri addetti, ha formato oggetto di specifica trattazione in svariate lezioni monotematiche sull'argomento, nelle quali l’intero impianto della responsabilità ex d. lgs. n. 231 del 2001 è stato puntualmente scandagliato, soprattutto alla luce delle Sezioni unite penali (sent. 18 settembre 2014, n. 38343 - Espenhahn - c.d. Thyssenkrupp), intervenute a chiarire tutte le questioni problematiche poste dalla traccia:
1) natura giuridica della responsabilità degli enti da reato;
2) decodificazione dei concetti di "interesse" (da intendersi in senso soggettivo e teleologico, con valutazione ex ante al tempo della commissione del fatto) o "vantaggio" (da considerarsi in senso oggettivo, con valutazione ex post sulla base degli effetti concretamente prodotti dall'illecito);
3) problematiche sollevate dalla riforma del 2007 (art. 9, comma 1, legge 3 agosto 2007, n. 123, che ha introdotto l'art. 25-septies d.lgs. 231/2001, successivamente sostituito dall'art. 300, comma 1, d.lgs. 81/2008), che ha introdotto, nel catalogo dei "reati presupposto", anche quelli "colposi di evento", con particolare riguardo ai rapporti tra vantaggio e interesse, da un lato, e condotta ed evento, dall'altro (segnalando, in proposito, che la soluzione ermeneutica accolta dalle Sezioni unite penali è stata quella di collegare l'accertamento degli elementi alternativi del vantaggio e dell'interesse solo alla condotta - con esclusione dell'evento).

Nel corso delle predette lezioni, dunque, accanto alla particolare natura dell’impianto normativo ed a quelli che ne hanno rappresentato gli originari aspetti qualificanti, vale a dire in particolare l’adozione di specifici modelli organizzativi di tipo “precauzionale”, intesi a prevenire la commissione di quegli specifici reati, e al tipo particolare di “relazione” tra condotta criminosa e vantaggio o interesse desunto dall’ente e che costituisce la base sulla quale costruire le connotazioni, secondo i più atipiche, di colpevolezza e di responsabilità dell’ente; si è posta, dunque, particolarmente in luce la controversa natura giuridica di tale responsabilità, evidenziando le diverse opinioni che si contendono il campo (natura amministrativa, come formalmente enunciata dallo stesso d.lgs. n. 231 del 2001; natura civile-oggettiva; natura penale; tertium genus).
Si è al riguardo sottolineata l’ampia e via via incrementata platea dei reati presupposto che possono dar vita alla responsabilità dell’ente, la loro profonda eterogeneità, e la difficoltà – per non dire impossibilità – di un inquadramento sistematico e organico della intera materia, i cui margini applicativi hanno dato vita a risultati per molti deludenti.
Anche nel corso del rush finale (lezione del 10 luglio 2021) una attenzione particolare è stata data alle figure di reati offensivi di valori particolarmente elevati, introdotte più di recente, come i reati di omicidio e lesioni colpose per violazione delle regole cautelari sugli infortuni sul lavoro e i reati di matrice ambientale, ponendo in luce le peculiarità e difficoltà connesse all’intreccio che viene a determinarsi tra regole cautelari di settore e programmi e moduli organizzativi che l’ente è chiamato ad adottare.
Il tema specifico delle fattispecie colpose, tanto di tipo commissivo che di tipo omissivo, proprie ed improprie, è stato in particolare scandagliato nelle ultime lezioni di luglio, ove si sono poste in evidenza tutte le ampie problematiche connesse alla cosiddetta "posizione di garanzia", ai rapporti tra colpa generica e specifica, con la relativa tendenza al superamento delle relative rigide partizioni, al frazionamento della posizione di garanzia e alla particolare disciplina della delega di funzioni a seconda della complessità strutturale dell’ente e dell'apposita disciplina dettata dall’art. 16 del d.lgs. n. 81 del 2008, la cui normativa è stata attentamente esaminata. Nel corso delle menzionate lezioni è stato offerto un articolato riferimento giurisprudenziale, le cui linee portanti più recenti hanno posto in evidenza l'esigenza di superare configurazioni di “responsabilità” meramente formali, ma al tempo stesso di assegnare comunque agli organi apicali una concreta responsabilità di vigilanza del rispetto dei protocolli cautelari e della loro costante adeguatezza alla prevenzione dei rischi.

Nelle predette lezioni monotematiche sono state spiegate le seguenti tracce:

"Illustri il candidato la natura della responsabilità degli enti dipendente da reato, prevista dal d.lgs. 231/2001, nonchè i criteri di imputazione della responsabilità medesima";

"Il ruolo dei c.d. "modelli organizzativi" nel sistema della responsabilità degli enti da reato nella logica dei presidi preventivi contro la corruzione";

"La colpa nelle strutture organizzative complesse".

Per completezza si segnala che anche le altre due tracce della terna non estratte ("La confisca senza condanna: natura, ratio, limiti e tutele"; "Reati culturalmente orientati con riferimento ai rapporti familiari e lavorativi") sono state reiteramente spiegate.

Per la descrizione delle attività formative del Corso con riguardo alle tracce "estratte" negli ultimi concorsi clicca su "scopri di più".

"ESTRATTI VIDEO" DELLE LEZIONI

1) LEZIONE MONOTEMATICA SULLA RESPONSABILITA' DEGLI ENTI (CONS. ALBERTO MACCHIA) - (CI SCUSIAMO PER LA QUALITA' "VIDEO": TRATTASI DI UN "ESTRATTO" DEL FILE ORIGINALE EPURATO DELLE GENERALITA' E IMMAGINI DEI CORSISTI PARTECIPANTI)

 

 

 

2) ULTERIORE LEZIONE MONOTEMATICA SULLA RESPONSABILITA' DEGLI ENTI (PROF.SSA SILVIA MASSI) - (CI SCUSIAMO PER LA QUALITA' "VIDEO": TRATTASI DI UN "ESTRATTO" DEL FILE ORIGINALE EPURATO DELLE GENERALITA' E IMMAGINI DEI CORSISTI PARTECIPANTI)

 

 

 

3) SINTESI SULLA RESPONSABILITA' DEGLI ENTI (CONS. ALBERTO MACCHIA - IN PILLOLE) - (CI SCUSIAMO PER LA QUALITA' "VIDEO": TRATTASI DI UN "ESTRATTO" DEL FILE ORIGINALE EPURATO DELLE GENERALITA' E IMMAGINI DEI CORSISTI PARTECIPANTI)

 

 

 

4) RUSH FINALE 2021 - AGGIORNAMENTO POSIZIONI DI GARANZIA, DELEGA DI FUNZIONE E FRAZIONAMENTO DEL RISCHIO (CONS. ALBERTO MACCHIA - IN PILLOLE) - (CI SCUSIAMO PER LA QUALITA' "VIDEO": TRATTASI DI UN "ESTRATTO" DEL FILE ORIGINALE EPURATO DELLE GENERALITA' E IMMAGINI DEI CORSISTI PARTECIPANTI)

 

 

 

 

 

Successioni e donazioni

Diritti reali

Le obbligazioni

Il contratto

La responsabilità civile

Videoconferenza interattiva (webinar in diretta in tutta Italia)

Videoconferenza in diretta in tutta Italia La FGLAW s.r.l. offre tutti gli strumenti necessari per avere successo alle prove d'esame, concorsuali e nella successiva vita professionale.

Tutte le attività formative (lezioni teoriche e di tecniche redazionali, esercitazioni, simulazioni di concorso, schematizzazioni, etc.) si svolgono in videoconferenza interattiva live (webinar in diretta e/o in differita) attraverso un sistema dedicato, tecnologicamente all'avanguardia, fruibile anche attraverso smart-phone o tablet (I-Pad, I-Phone o altri simili dispositivi di comunicazione elettronica).

Non si tratta delle ordinarie piattaforme per meeting on line di comune utilizzo che si sono diffuse soprattutto nel periodo di pandemia da Covid-19 (microsoft teams, zoom, dirette facebook, instagram, you tube, etc.), bensì di un sistema telematico avveniristico (utilizzato sin dal 2012 e successivamente sviluppato, aggiornato e migliorato nel corso degli anni per soddisfare, sempre di più e sempre meglio, le esigenze formative dei corsisti) dalle eccellenti performace, totalmente diverso da quelli utilizzati da altri corsi.

Comodamente dalla propria abitazione, dal proprio ufficio o durante le vacanze in Italia o all'estero, è possibile frequentare il Corso Fava-Galli (FGLAW) non sussistendo alcun vincolo di collegamento con un computer specifico!

Durante la lezione è possibile, tra l'altro, indirizzare domande ai docenti che rispondono in tempo reale.


LE TECNICHE DI E-LEARNING INTERATTIVO DIVENTANO REALTÀ CON IL METODO FGLAW

Guadagna tempo, risparmia energie e denaro, godi della diretta live, apprendi facilmente e con strumenti innovativi, scambia idee e sciogli ogni dubbio rivolgendo quesiti al docente.